Comunicazione e marketing: 3 tendenze del 2023

trend-2023-comunicazione-e-marketing

Ogni anno porta con sé nuove tendenze nel mondo della moda, della tecnologia, del design e, naturalmente, anche della comunicazione e del marketing.

Che cosa ha in serbo per noi il 2023?

Per capirlo, partiamo dal colore dell’anno di Pantone: il Viva Magenta 18-1750.

Il colore Pantone 2023

Una ventata di entusiasmo liberatorio e inclusivo: il Viva Magenta è un ottimo auspicio per il nuovo anno. Si tratta di una tonalità di rosso vivo e ottimista – proprio come il colore che rappresenta lo Studio A&C da oltre trent’anni!
Brillante ed efficace online, il Pantone 18-1750 si ispira al rosso della cocciniglia, un colorante dalla tonalità intensa e luminosa di origine naturale.
Tecnologia e digitale convivono con ambiente e sostenibilità anche nelle nuove tendenze di comunicazione del 2023.

Ecco le tre più importanti:

1. Sostenibilità

Più che una tendenza, un’urgenza. Quest’anno le aziende non hanno più scuse: per ottenere il favore del pubblico dovranno mettere la sostenibilità al centro della loro comunicazione. O, meglio, dovranno impegnarsi realmente per adottare abitudini green e saperle comunicare al meglio. Siamo già oltre l’ultimatum della Terra: siamo ormai all’ultramatum, l’ultimissima possibilità che abbiamo per salvare in extremis il nostro pianeta.
E, in questo caso, l’urgenza etica incontra quella di marketing. I consumatori non daranno altre chances ai brand: chi non si dimostrerà all’altezza delle aspettative di ecosostenibilità, sarà tagliato fuori. D’altra parte, non è poi così difficile cambiare le proprie abitudini in fatto di shopping…

Il Vogue Business Index Spring ha calcolato che il 76% degli italiani è sempre più interessato alla responsabilità sociale dei marchi di lusso. E i giovani sono in prima linea su questo. Basti pensare che già nel 2019 il Newtrain Manifesto – l’aggiornamento del celebre Cluetrain che ne 1999 anticipò le rivoluzioni di Internet – aveva proposto 30 nuove tesi, di cui 4 avevano a che fare con la sostenibilità. A scriverlo era stato un gruppo di giovani al primo anno del biennio Story Design della Scuola Holden. E come non citare l’impegno dimostrato nei Fridays For Future?

Insomma, l’input che arriva dalle nuove generazioni è chiaro e ormai ben consolidato. È a loro che dovremo parlare in questo 2023, qualunque sia il settore in cui operiamo, dal fashion all’automotive, passando per la stampa.

Non sai da dove partire? Se ti occupi di prodotti, inizia dal packaging sostenibile. Se, invece, offri dei servizi, passa a un fornitore di elettricità che tratta soltanto energia da fonti rinnovabili.

2. Intelligenza artificiale

L’Intelligenza Artificiale (o AI) sta prendendo sempre più piede e rivoluzionerà tutto il mondo della comunicazione nel futuro. In un futuro molto più prossimo di quello che possiamo pensare.

Il 2023 sarà un anno di svolta da questo punto di vista. Grazie all’Intelligenza artificiale, si possono analizzare i dati per capire che cosa le persone vogliono e quindi comunicare con loro in modo più preciso e veloce. Per fortuna, ad oggi, non è ancora in grado di sostituire l’intelligenza umana, ma può integrarla e amplificarne le possibilità.

Compiti per casa #1: studiare le novità per capire cosa può migliorare nel tuo lavoro quotidiano.

Compiti per casa #2: affidare la tua comunicazione a chi conosce le nuove tendenze, le sperimenta, ma sa bene che la creatività è ancora una prerogativa dell’intelligenza umana!

Per giunta, siamo nell’era dell’espansione del Metaverso. Sempre più popolare, si tratta di un mix di realtà digitale, aumentata e del mondo reale. Tutti vogliono farne parte, ma non tutti i progetti avranno successo: saranno i consumatori a decidere quali soddisfano veramente le loro esigenze.

Insomma, le nuove tecnologie come l’AI e il Metaverso saranno sempre più presenti nella vita quotidiana a partire da questo 2023 e renderanno la comunicazione più rapida e intuitiva.

3. Social sempre più multisensoriali

Man mano che la tecnologia si sviluppa, si umanizza. E così anche il marketing sta diventando sempre più umano, mettendo il consumatore al centro di ogni decisione strategica.

Nel 2023, questa tendenza continuerà a crescere esponenzialmente, con i consumatori che avranno sempre più controllo sull’esperienza sui social media. Gli utenti non vogliono personalizzare soltanto i contenuti visualizzati nel feed, ma anche le impostazioni sulla privacy e molto altro ancora. Anche in questo caso, sono i giovani a essere in prima linea: vanno alla ricerca di algoritmi sempre più precisi e di social network che assomiglino all’idea che hanno di loro stessi.

Così, nei prossimi mesi vedremo l’aumento dei social media multisensoriali, che offriranno una nuova forma di interazione ai loro iscritti. Quindi, prima di tutto, saranno i video i contenuti più popolari di questo nuovo anno.

Ma non è finita qui. Sta nascendo un “Internet dei sensi” che consentirà di creare nuove e sorprendenti esperienze sensoriali online. Nel post-pandemia, le nuove generazioni non vedono l’ora di vivere esperienze dal vivo, partecipare agli eventi organizzati dai creators e incontrare gli influencer.

La connessione digitale, spesso considerata un ostacolo alle interazioni reali, potrebbe in realtà diventare un mezzo per incontrarsi e vivere esperienze in presenza di ogni genere.

Articolo precedente
Cos’è l’analisi SWOT (e perché ne hai bisogno)
Il nostro blog

LE ULTIME IN CASA A&C

Portfolio

GLI ULTIMI LAVORI